Premio Abbiati ad Aureliano Cattaneo e Alessandro Solbiati
25 Maggio
/ 2016

Premio Abbiati ad Aureliano Cattaneo e Alessandro Solbiati

Il XXXV Premio della critica musicale “Franco Abbiati” 2016 è stato assegnato per la sezione “Novità per l’Italia” ex aequo ad Aureliano Cattaneo per Insieme e Parole di settembre e ad Alessandro Solbiati per Il suono giallo. Queste le motivazioni del prestigioso riconoscimento dichiarate dalla giuria: «Insieme (2015), commissione di Milano Musica e del Mdi Ensemble, e Parole di settembre (2012­13), proposto in apertura della Biennale Musica 2015, presentano sfaccettature diverse della musica di Aureliano Cattaneo (1974) e della sua originale ricerca sul suono. Nei tre libri di Parole di settembre, per controtenore, soprano, baritono e strumenti, le “parole” di Sanguineti offrono una grande varietà di stimoli che Cattaneo coglie e trasfigura con estrosa ironia, con raffinata e sapiente scrittura strumentale e con mobile scrittura vocale». Queste invece le ragioni della scelta di Alessandro Solbiati: «Anche se non è la prima volta che il visionario Der Gelbe Klang di Kandinkij viene trasformato in un’opera, Il suono giallo di Alessandro Solbiati, concepito come una sorta di sinfonia scenica, ha colpito il pubblico del Comunale di Bologna per la finezza e la densità della scrittura musicale (curatissima nella direzione di Marco Angius), ricca di atmosfere, di umori contrastanti, di continue metamorfosi armoniche, per la concentrazione espressiva degli intermezzi, per il raffinato gioco di "madrigalismi" nelle parti vocali, reso ottimamente dalla prova dei due cori e dei cinque solisti». La premiazione è in programma il 7 giugno al Teatro Donizetti di Bergamo, nel corso di una cerimonia in collaborazione con il Comune di Bergamo e il 53° Festival Pianistico Internazionale di Brescia e di Bergamo.